Lettera B

Battista Laura

Poetessa – Nel 1975 la tipografia Francesco Conti di Matera pubblicava in due volumi i Canti di Laura Battista, una poetessa di famiglia materana nata il 1846.
Le sue poesie, considerate di alto valore artistico dal Carducci, da Arturo Graf e da Aleandro Aleardi, riflettevano le tematiche culturali dell’epoca ed esprimevano l’amore per i grandi ideali della patria, della famiglia, della lealtà di vita e di pensiero. Insegnò nelle scuole di Camerino, Matera e Tricarico.

Bianco Michele

Avvocato – Deputato al Parlamento – Dirigente del P.C.I. – Nacque a Miglionico nel 1896 e morì a Matera nel 1981; per l’occasione il Comune organizzò una solenne seduta straordinaria del Consiglio, in cui i rappresentanti dei partiti ne esaltarono la figura e l’impegno politico e civile, espresso per decenni a fianco dei contadini, della gente povera, per la soluzione dei loro problemi.
Si laureò in Giurisprudenza presso l’Università di Napoli e nella città partenopea frequentò gli ambienti socialisti.
Fondò a Matera nel 1921 la prima Camera del Lavoro. Nel 1921 partecipò alla scissione comunista di Livorno e subì durante il Fascismo il carcere e il confino in Sardegna.
Nel secondo dopoguerra ricostituì il Partito Comunista e ne fu deputato dal 1948, per tre legislature.

Bonacchi Marcello

Eroe Nazionale – medaglia d’oro al valor militare – Nacque a Toritto l’11 ottobre 1919, morì eroicamente a Ponte Kimonico-Divarata (Cefalonia), al comando del 317° reggimento di fanteria, il 18 settembre 1943.
Partecipò al secondo conflitto mondiale, col grado di sottotenente e fece parte del contingente italiano che presidiava le isole greche.
Era nella divisione “Acqui”, a Cefalonia, che, all’indomani dell’8 settembre, decise di non assoggettarsi ai tedeschi, dopo un referendum tra i soldati. Durante i tragici ed eroici scontri armati egli si battè valorosamente e preferì la morte piuttosto che la resa al nemico, ferito mortalmente trovava in sé ancora la forza di incitare i compagni contro il nuovo nemico. Molti italiani che si arresero vennero vilmente fucilati e molti altri, legati, furono gettati in mare. Crimini commessi non dalle sanguinarie SS ma dall’esercito germanico che si dimostrò certamente non inferiore in fatto di vile ferocia. Non a torto la prima fonte di resistenza armata contro il nazi-fascismo si fa risalire a quei drammatici giorni.

Bracco Eleonora

Archeologa – Direttrice del Museo Ridola – Nacque a Torino il 27 ottobre 1905 e morì a Roma il 10 marzo 1977.
Diresse per decenni il museo Ridola ed operò con il gruppo di studio Olivettiano che, insediatosi a Matera negli anni ’50, formulò un progetto urbanistico volto a trasferire gli abitanti dei Sassi in aree appositamente scelte.
Dal 1947 al 1957 diresse scavi archeologici in contrada Purgatorio Vecchio a Matera, a Montescaglioso e nell’agro di Picciano, che portarono al rinvenimento di reperti dell’età greca, databili tra la fine del IV secolo e II secolo a.C. Di grande importanza anche i rinvenimenti di origine longobarda scoperti nella necropoli dell’alto-medioevo in Piazza San Francesco.

Brancaccio Antonio Maria

Arcivescovo – Nacque da nobile famiglia napoletana e morì a Matera il 1722. Fu nominato Arcivescovo della diocesi materana il 17 giugno 1703 e prese possesso della sede nel dicembre dello stesso anno. Rivelò grande sensibilità verso i problemi della popolazione. Nel 1706 fu nominato Cavaliere Gerosolimitano e assegnato alla Santa Sede di Roma, come Assistente al Soglio Pontificato.
Restaurò molte chiese e fu committente degli affreschi che ornano il soffitto del “salone degli stemmi” dell’Arcivescovado (1719), in cui sono rappresentanti, in alto, i Santi Protettori di Matera.
Promosse la costruzione delle chiese di Santa Chiara e di San Rocco, con annesso il convento dei Riformati; in Cattedrale dispose il rifacimento del soffitto ligneo; integrò e rinnovò gli arredi sacri, gli altari e la cappella di San Gaetano.

Ti potrebbe interessare anche:

  • Alano da Matera, filosofo e astronomo
  • Altobello Persio, famoso scultore lucano
  • Antonio Loperfido, l’ingegnere a cui è intitolato l’Istituto Tecnico Commerciale della città
  • Antonio Persio, filosofo
  • Ascanio Persio, celebre linguista, umanista e grecista italiano
  • Donato Paolo Conversi, famoso pittore dei Santi
  • Egidio Romualdo Duni, il famoso compositore materano
  • Eustachio Fasano, tra i fautori dell’eccidio Gattini
  • Eustachio Paolo Chita, meglio conosciuto come il brigante Chitaridd
  • Giuseppe Gattini, conte di Castel Timmari
  • I Sindaci di Matera dal 1345 ad oggi
  • I Vescovi ed Arcivescovi della diocesi di Matera – Irsina
  • L’uccisione del Conte Francesco Gattini
  • L’unità d’Italia e Giovanni Battista Pentasuglia, un materano tra i Mille di Garibaldi
  • La banda musicale “Francesco Paolicelli“ della Città di Matera
  • La famiglia Gattini, conti e patrizi di Matera
  • Le confraternite di Matera
  • Luigi Loperfido, detto anche il Monaco bianco
  • Lupo Protospata, cronista attivo in Puglia nel secolo XI
  • Nicola Sole, poeta lucano
  • Sant’Ilario da Matera
  • Tommaso Stigliani, poeta e scrittore lucano
  • Vito Antonio Conversi, pittore materano
  • Lettera A
  • Lettera C
  • I templari nel materano
  • Lettera D
  • Lettera E
  • Lettera F
  • Lettera G
  • Lettera I
  • Lettera L
  • Lettera M
  • Lettera N
  • Lettera O
  • Lettera P
  • Lettera R
  • Lettera S
  • Lettera T
  • Lettera U
  • Lettera V
  • Lettera Z