L’apicoltura nella tradizione materana, un racconto di Fabrizio De Andrè

Carlo Bonanni, fondatore dell’associazione “Carodeandrè” ed interprete della magica musica di Fabrizio De Andrè, ha svelato a WikiMatera.it una straordinaria testimonianza di una tradizione materana andata ormai persa, raccontata attraverso le parole di una canzone dell’indimenticato cantautore genovese. La canzone in questione è “Ho visto Nina volare” e l’usanza, praticata un tempo dalle donne più anziane, è l’apicoltura.

“Mastica e sputa da una parte il miele

Mastica e sputa dall’altra la cera

Mastica e sputa prima che faccia neve”

(Ho visto Nina volare, Fabrizio De Andrè)

Fabrizio De Andrè ed Ivano Fossati hanno soggiornato spesso a Matera per alimentare il fiume di poesia portato dagli enormi affluenti che sono le tradizioni orali dei territori del materano. Entrambi gli artisti sono stati rapiti dal gesto che compivano le donne anziane, le quali masticavano fettine di favo, preparate all’occorrenza, per ore ed ore, ottenendo in tal modo la separazione del miele dalla cera. Queste due preziose sostanze venivano quindi espulse dalla bocca in appositi recipienti, pronte per l’uso.

E’ singolare e nello stesso tempo intuitivo come in questa usanza siano reciprocamente intrecciate la vicenda religiosa, come il rito della comunione, insieme ad una pratica di accrescimento ancestrale, quale quella del pasto collettivo. Lo studio del comportamento dell’ uomo spesso ci ha tramandato che, a tali “comunioni”, prendono parte prevalentemente i soggetti che non presiedono alla difesa del territorio e che non vanno a caccia: le donne. Trattandosi poi di un rito molto importante per la sopravvivenza, le donne più anziane assunsero la piena responsabilità dello svolgimento.

Desideriamo ringraziare Carlo Bonanni per il prezioso contributo che ha voluto condividere con noi.

Ti potrebbe interessare anche:

  • Carnevale a Matera, tra matinate, canti, balli e maschere
  • Come i materani vivevano la Quaresima e la Pasqua
  • Commemorazione dei defunti a Matera
  • Funerali nel passato a Matera: perfiche, corteo funebre ed il consolo
  • I testimoni degli accordi, i “due pezzoni”
  • Il congedo dalla vita terrena, “Scij ad acchiè l’onm du priaterij”
  • L’Angelo della buona novella, “l’Ongl d la bbona nav”
  • La raccolta e la lavorazione dei pomodori
  • La storia dei cimiteri di Matera
  • La storia dei mulini di Matera
  • Leggende sul culto dei morti
  • Natale a Matera nel passato, tra tradizione, gastronomia e fede
  • Come si lavava la biancheria nei Sassi
  • La produzione di ceramiche a Matera, la Fornace Cappelluti-Annunziata
  • La mietitura del grano nel passato
  • La storia del vecchio ospedale San Rocco di Matera
  • La raccolta differenziata nei Sassi, un esempio per la società moderna
  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *