La cupa cupa del Gruppo Folk Matera

Testo e traduzione (si ringrazia Claudio Mola, Gruppo Folk Matera):

rit. Cup e cupè ‘ nduniella mej
Ass’c s’ cand a lu pais mjMo so vinut- e e mo sond’arrivat (2volte)
Chess iè la vocia ci la canuscit (2volte)Pr’m d’ candè mi cerca di scuseja
Ca angor la fozzi j anguna mangonz

Ue la mangonz nan ven da vije
Stet a parlèt e m’ fascj t s’bbagliè

I so bbinut da lundana via
P’ r’vrij a la vostra signurì a

Mamma ci moria ti lu lass’a discie
Famm nu tavut tand lugnj i strutt

P’ mataràzz m’ttam’ll minz purca
Ma p’ cuscin na pec’r arr’stut

Ma pi cuperta na pezza di v’ndrèsca
Ma pi cupirchj na fr’ttata d’ova

Ma p cannell quatt cap d salzuzz
P iacqua sanda na vott d’ mir biongh

L’egghj saput ca l’accis u purch
Ue la padron nan m lu fa lu muss turt

Lu timb è nuvl i chiov a stizza stizz
Ue la pat’ron vala pigghj la salzizza

Lu timb par nuvl e ngìl stann l stella
Ue la pat’ron vala pigghj la v’ndresca

I stochj a candj da sop a stu chiangona
Ue la pat’ron vinl a iapra lu p’rtona

La cupa cupa mej iè troppa vizziòsa
Nan z’n ve da ddeja ci na lu dè na cosa

U Gall è cj tèn li penni nera
Dochij la bonasèr a lu marìt- i la migghièr

U gall è cj tèn li penni bianca
Dochij la bonasèr- a tutti quanda

rit. “Cupa cupa” la nduja è mia
così si canta al paese mioAdesso sono venuto e adesso sono arrivato (2volte)
Questa è la voce se la conoscete (2volte)Prima di cantare cerco di scusarmi
Se la faccio qualche mancanza (qualche torto)

La mancanza non viene da voi
State parlando e mi fate sbagliare

Sono venuto da una via lontana
Per servire sua signoria

Mamma se muoio te lo dico
Preparami un loculo così lungo e stretto

Per materasso mettimi mezzo maiale
E per cuscino una pecora arrostita

E per coperta un pezzo di ventresca
E per coperchio una frittata di uova

E per candele quattro pezzi di salsiccia
Per acqua santa una bottiglia di vino bianco

Ho saputo che hai ucciso il maiale
La padrona, non mi fare la faccia strana

Il cielo è nuvoloso e piove goccia a goccia
La padrona, vai a prendere la salsiccia

Il tempo sembra nuvoloso e in cielo ci sono le stelle
La padrona, vai a prendere la ventresca

Io sto cantando sopra a questa pietra
La padrona, vieni ad aprire il portone

La “cupa cupa” mia è troppo viziosa
Non se ne va se non le dai una cosa

Il gallo è chi tiene la penna nera
Do la buona sera al marito e alla moglie

Il gallo è chi tiene la penna bianca
Do la buona sera a tutti quanti

Variante:

Mo so binutê e mo sond’arrivatê
mo so binutê e mo sond’arrivatê
chess’ià la voscia ci la canêscita
chess’ià la voscia ci la canêscita.Prêmê dê candeiê mê cerca dê scuseiê
prêmê dê candeiê mê cerca dê scuseiê
ch’angorê li fott anguna mangonzê
ch’angorê li fott anguna mangonzê.E la mangonzê na fe nata dij
uemê la mangonzê na fe nata dij
stetê a parleiê i mê fascêtê sêbbagliè
stetê a parleiê i mê fascêtê sêbbagliè.

Iê so binutê da lundana via
iê so binutê da lundana via
pê rêvêriê a vosta signuria
pê rêvêriê a vosta signuria.

[..]

L’egghiê sapitê i ca la fatt u purchê
l’egghiê sapitê i ca la fatt u purchê,
la patêronê i na me la fè lu miss turtê
la patêronê i na me la fè lu miss turtê.

U’ t’mb jè nivl i’ chiav a stuzz a stuzz,
u’ t’mb jè nivl i’ chiav a stuzz a stuzz,
uè la patràn vala a pugghj la salsuzz,
uè la patràn vala a pugghj la salsuzz.

U’ timb pèr nivl i tèn u stall stall,
u’ timb pèr nivl i tèn u stall stall,
uè la patràn vala a pugghj la ventrasch,
uè la patràn vala a pugghj la ventrasch.

Ij stauchj a condj da sàp a stu’ chiangaun,
ij stauchj a condj da sàp a stu’ chiangaun,
uè la patrà v’nl a jopr lu’ p’rtàn,
uè la patrà v’nl a jopr lu’ p’rtàn.

La cupa meiê iè tanda v’ziaus,
i la cupa meiê iè tanda v’ziaus,
nan zê nê vè cê na la dè na causê,
nan zê nê vè cê na la dè na causê

Mo son venuto e mo sono arrivato
mo son venuto e mo sono arrivato
questa è la voce se la conoscete
questa è la voce se la conoscete.Prima di cantare cerco di scusarmi
prima di cantare cerco di scusarmi
ancora l’ho fatta qualche mancanza
ancora l’ho fatta qualche mancanza.E la mancanza la farò un altro giorno
e la mancanza la farò un altro giorno
state parlando e mi fate sbagliare
state parlando e mi fate sbagliare.

Io son venuto da lontana via
io son venuto da lontana via
per riverire a vostra signoria
per riverire a vostra signoria.

[..]

L’ho saputo che hai ucciso il porco
ho saputo che hai ucciso il porco,
la padrona non fare il muso storto
la padrona non fare il muso storto.

Il tempo è nuvoloso e piove goccia a goccia,
il tempo è nuvoloso e piove goccia a goccia,
la padron vai a prendere la salsiccia,
la padron vai a prendere la salsiccia.

Il tempo è nuvoloso e ci sono le stelle,
il tempo è nuvoloso e ci sono le stelle,
la padrona vai a prendere la ventresca,
la padrona vai a prendere la ventresca.

Io sto cantando sopra a questa pietra,
io sto cantando sopra a questa pietra,
la padrona vieni ad aprire il portone,
la padrona vieni ad aprire il portone.

La cupa mia è tanta viziosa,
la cupa mia è tanta viziosa,
non se ne va se non le dai una cosa,
non se ne va se non le dai una cosa.

Ti potrebbe interessare anche: